stupro

A letter by a rape victim:Even though I turned into Autumn I am more beautiful now

translated into: ITALIAN FRENCH GERMAN

Even though I turned into Autumn I am more beautiful now/ A letter of suffering by Bahareh, victim of rape / arrested in July 2009 at Ghoba Mosque

A letter of suffering by Bahareh Maghami, a squished corn-poppy of Iran (a victim of rape in prison).

“My name is Bahar (Spring in Persian). It’s Spring and I write to you of flowers but flowers with scattered petals. I write to you of the green and of sprouts but squashed sprouts, trampled on by hatred, the hatred towards beauty and whatever is beautiful as displayed by ugly souls, the hatred towards those who seek justice by a bunch of sell outs. I write to you of those who are not real men.

My name is Bahareh Maghami, 28 years old and there is nothing left of me and no reason to hide my name anymore. I have lost all who were important to me one day. I have lost relatives and friends, neighbors and companions, coworkers and colleagues. I have lost them all. Those who pretend to be men stole it all from me so unfairly. They stole my life. Now that I have left the country, I want to share my pain with someone, even if only once. I also like to ask other friends who have experienced a similar painful fate to write. They must write what happened to them. Even if they fear their lives or dignity, they should use anonymous names but they must write. They must write so that history is aware of what happened to our generation; to this grief-stricken generation. They must write so that those who come after us and live in a free Iran know what price was paid for their freedom; how many lives were burnt and how hopes vanished; they must know about the broken backs and bent knees!

When my father found out, his back broke. He was shattered into pieces. My mom aged a hundred years overnight. My brother: I still haven’t been able to look into my brother’s eyes and he doesn’t look at me either; he doesn’t want me to suffer any more than I already have. When he found out, it was like they took away his manhood. When he found out that there are people who pretend to be men but the only thing left of it is their genitals, he began to hate his own manhood. For them dignity, nobility and chastity have no meaning. I was a first grade teacher. I was teaching the little flowers of our country how to read and write. I was teaching them “Dad brought water”, “That man comes”, “That man brings bread”. For me the image of a man was the kind breadwinner. I was waiting for him to arrive. And now that image has changed. He is angry and blinded by his desires. I cannot rid myself of his infectious smell of sweat. I am always scared of him coming back. I jump out of bed in the middle of the night fearing his footsteps. My whole body shakes with the smallest sounds and my heart starts beating faster fearing his arrival. I am always ready to escape. I leave the lights on at nights and I pass the days with tears and grief!

Our house was situated at “Kargar Shomali” street. I had gone to Ghoba Mosque with my brother when I was arrested. They beat me and took me away and they destroyed me. As our old poet Hafez says: they did what the Mongolians did!

Some had broken arms, some had broken legs and some had broken backs. Still others like me had broken spirits. Shattered spirits. As if my whole humanity was taken away from me. I used to be a Spring. I am now dead. I am a squashed corn-poppy.

I would like to ask those who read this letter that if they know someone who is like me, a victim of rape, to be kinder towards them. Sympathize with them. The issue for me and people like me is that in our culture rape is not just a blow to one person. It’s a blow to his whole family and clan. A victim of rape is never healed by passing of time. With every look of her father, the wounds open again. Her heart breaks again with every drop of her mother’s tears. The relatives, friends, neighbors and everyone cuts off their relations. We were forced to sell our house way below market price and moved to Karaj (a suburb of Tehran). But we didn’t last there either. The agents found our new address quickly and were monitoring us. They would stand in the corner of our street and would smirk at my father every time he passed by. We left everything behind and immigrated. At their old age, my parents became refugees at a camp. I can easily say that the cultural wounds were much harder to deal with than the physical ones. Many people smile when they hear about rape! I swear that there is nothing funny about rape! It’s about the suffering of a simple family; it’s about a young girl or boy who loses his or her diginty; breaking the dignity of love is not funny. Those who raped me would laugh! there were three of them. All three were dirty and wore a beard. They had a terrible accent and foul mouths. They would swear at my whole family. Even though they saw that I was a virgin, they accused me of being a whore and forced me to sign admitting that I was a prostitute. I am not ashamed to say it anymore. Not only am I not ashamed, I am even proud to say it: they called me a whore. They said: sign this you whore! I told them that I was a teacher and I wouldn’t sign. They said they had three just witnesses who had seen me sleep with three people in one night and I told them that I have 30 witnesses that I am a teacher and if this is what has happened to me, it was through their own fault. They laughed it off saying: well it’s not so bad for you afterall! your pay has now increased! That’s how worthless the privacy and dignity of people is to them. And that’s how empty words like modesty and chastity are to them. They had not seen these virtues. They didn’t have them. All women were whores to them. It wasn’t only women. They did not even pass up on men. They weren’t human beings. They were suffering from self-subordination. They had turned into perverted animals who knew nothing but to destroy all beauties. Sometimes I see people cursing at the mothers and sisters of these people. These creatures will not even pass up on their own mothers and sisters. I feel sorry for those who have to live with these rabid animals all their lives. My front teeth broke and my shoulder was displaced; my womanhood was destroyed. I know that I will never be able to love a man; I will never be able to get close to a man and to trust him. I realize that my land bears many brave men who have also suffered but for me real men and pretend men are the same. My life as a woman has reached an end and I am like a walking dead. But I write. I write in order to regain my livelihood. I write that I was a teacher, turned into a prostitute and I am a writer now. I write that I was Bahar (Spring), and although I turned into Autumn, I am more beautiful for it. I am a beautiful whore; I turned into the outcast in our neighborhood; I turned into a teacher without a classroom; I became the subject of ridicule; sentenced to loneliness; immersed into the injustices of the oppressors; For the Islamic Republic I became the woman with her hair cut, her arms broken and with her face bloodied. So I am proud to be a whore for freedom. I know that I am not alone. I hear their voices; in the next cells; when my lifeless and useless body was on the floor I would hear these pretend-men display their manhood many times. I ask all people who have suffered like me to write. They need to shout out their sufferings however they can because these are the same pains that Sadegh Hedayat (contemporary writer) referred to as ‘pains that chew at people’s souls’. Let it all come out. Let everyone know. You should realize that you are not alone. There are many like me and you. We all share this pain.

This letter of suffering is much longer than this. But I end it with one sentence. I am directly addressing Mr. Khamenei: ‘You consider yourself as the father of this nation. I was a daughter of Iran. Your sons raped me. Who will pay for my lost dignity?’

Bahareh Maghami,
April 2010, Germany

Source: Street Journalist

Annunci

Lettera di una donna stuprata

Inglese da Street Journalist

FRENCH GERMAN

Questa è la lettera che Bahareh, una donna iraniana che è stata stuprata, ha scritto per se stessa e per tutte quelle donne che sono vittime di stupri.

Il mio nome è Bahareh (primavera in persiano). È primavera e vi scrivo dei fiori, ma sono fiori dai petali sparsi.
Vi scrivo del verde e dei germogli, ma sono germogli schiacciati, calpestati dall’odio, l’odio verso la bellezza e tutto ciò che è bello, l’odio verso quelli che cercano giustizia. Vi scrivo di quelli che non sono dei veri uomini.

Il mio nome è Bahareh Maghami ho 28 anni. Non ho più motivo per nascondere il mio nome perché di me non è rimasto più nulla.

Ho perso tutti quelli che una volta erano importanti per me, ho perso parenti e amici, colleghi e colleghe, ho perso tutti. Gli ho persi perché quelli che si considerano degli uomini me li hanno ingiustamente portati via. Quelli lì mi hanno rubato vita.
Ora che ho lasciato l’Iran voglio condividere, anche solo per una volta, il mio dolore con qualcuno. Vorrei anche chiedere a quelli che hanno avuto un’esperienza dolorosa come la mia, di scrivere del loro dolore. Dovete scrivere di quello che vi è successo, anche se temete per le vostre vite e la vostra dignità, in questo caso usate dei nomi anonimi, ma scrivete.
Si deve scrivere in modo che tutti sappiano cosa è stato fatto alla nostra generazione, a questa generazione piena di dolore. Si deve scrivere per quelli che verranno dopo di noi e che vivranno in un Iran libero, in modo che sappiano il prezzo che abbiamo pagato per la loro libertà. Devono sapere quante vite sono state bruciate e come le speranze sono svanite, devono sapere i maltrattamenti che abbiamo subito.

Quando mio padre scoprì quello che mi avevano fatto il suo dolore fu immenso e in lui tutto si frantumò. Mia madre invecchio di cento anni, in un’unica notte, mio fratello da quel momento non è riuscito più a guardarmi negli occhi, ed io non ho più guardato i suoi, perché non vuole che io soffra più di quello che ho già sofferto. Con il loro gesto a lui sembra che gli abbiano portato via la sua virilità. Quando ha scoperto, che quelli che credono di essere degli uomini, sono solo invece tali perché hanno degli attributi maschili, ha iniziato a odiare la sua virilità.
Per quelli che si definiscono uomini, la dignità, la nobiltà e la castità non ha nessun valore e significato.

Ero un’insegnante di prima elementare, insegnavo ai fiori del nostro paese a leggere e a scrivere. Insegnavo loro: “Papa ha portato l’acqua” “L’uomo viene” “L’uomo porta il pane”, perché per me l’immagine dell’uomo era quella del capofamiglia, e aspettavo che quest’uomo arrivasse anche per me, ma adesso questa immagine dentro di me è cambiata.
La mia immagine di quell’uomo adesso è accecata dal suo desiderio. Non riesco a liberarmi dal puzzo infetto del suo sudore. Quando ripenso a lui, salto giù dal letto, anche nel cuore della notte. Temendo che i suoi passi mi possano di nuovo raggiungere tutto il mio corpo vibra e trema al minimo suono e il mio cuore inizia a battere più velocemente per la paura che lui mi si avvicini di nuovo. Sono sempre pronta a fuggire.

Di notte lascio le luci accese e di giorno passo le giornate tra le lacrime e il dolore.

Noi abitavamo nella via Kargar Shomali.

Quando sono stata arrestata stavo ritornando, con mio fratello, dalla Moschea di Ghoba.
Mi hanno picchiata e mi hanno portata via e così facendo mi hanno distrutta, così come dice il nostro amato poeta Hafez: hanno fatto ciò che i mongoli ci fecero.

Alcuni avevano le braccia rotte, altri le gambe spezzate o la schiena rotta e altri ancora, come me, avevano lo spirito a pezzi. Il mio spirito era devastato come se tutto ad un tratto mi fosse stato portato via tuta la mia umanità. Una volta ero primavera, ora sono come morta, sono un fiore di papavero calpestato.

Vorrei chiedere a quelli che leggono questa lettera se dovessero conoscere qualcuno che come me è stato vittima di violenza carnale, di essere gentile con loro, di appoggiarli. Il problema per me e per la gente che come me ha subito violenza è che nella nostra cultura lo stupro non è solo un duro colpo per la persona che lo subisce ma lo è per tutta la famiglia. Le ferite di una persona che è vittima di stupro non guariranno mai, neanche con il passare del tempo.

Le sue ferite si riapriranno ad ogni sguardo di suo padre, il cuore si spezzerà, ad ogni lacrima di sua madre.
I parenti, gli amici i vicini tutti ci lasciarono soli. Siamo stati costretti a vendere la nostra casa (al di sotto del prezzo di mercato) e ci siamo trasferiti a Karaj (subborgo di Teheran). Ma neanche lì la nostra permanenza durò a lungo, gli agenti trovarono il nostro nuovo indirizzo ed iniziarono a schernirci, se ne stavano dietro all’angolo della nostra strada e sorridevano a mio padre ogni qualvolta che lui passava.
Abbiamo lasciato tutto e siamo immigrati.
Alla loro età i miei genitori divennero dei rifugiati.

Posso tranquillamente affermare che le ferite che la società ci a inferto sono state molto più difficili da affrontare rispetto a quelle fisiche. Molte persone sorridono quando sentono parlare di stupro, ma io giuro che non c’è niente di divertente nello stupro, non c’è niente di divertente in una famiglia che soffre, nella perdita di dignità da parte di un ragazzo o di una ragazza, non c’è niente di divertente nel distruggere la dignità dell’amore. Quelli che mi hanno stuprato probabilmente riderebbero, erano in tre.
Tutti e tre erano sporchi e portavano la barba, avevano un accento terribile e dicevano sconcerie.
Anche se hanno visto che ero vergine mi hanno chiamato puttana e mi hanno obbligata a dichiararmi come tale.
Adesso non mi vergogno a dirlo, non mi vergogno più.
Mi hanno detto che avevano tre testimoni, i quali mi avevano vista andare con tre uomini in una sola notte, io ho detto loro che io ho 30 testimoni, i quali possono affermare che sono un’insegnante e che quello che mi sta succedendo è solo colpa loro.
Loro mi hanno derisa dicendo che per me non era poi tanto male, e che la mia paga era aumentata.
Per loro la dignità e la castità di una donna sono solo parole vuote, per loro tutte le donne sono puttane.
Quelli che mi hanno stuprata, non erano degli esseri umani, erano affetti da auto-subordinazione, si erano trasformati in animali perversi, che non sapevano più quello che facevano, non sapevano di star distruggendo la bellezza.
Queste creature non hanno rispetto neanche delle loro madri e delle loro sorelle, mi dispiace per coloro che per tutta la vita devono convivere con questi animali rabbiosi.
I miei denti erano rotti, la mia spalla graffiata, il mio essere donna era stato distrutto.
So che non sarò mai più in grado di amare un uomo, non sarò mai in grado di avvicinarmi e fidarmi di un uomo. Anche se mi rendo conto che la mia terra ha tanti uomini coraggiosi, che hanno sofferto, ma per me i veri uomini e quelli che fingono di essere tali, fanno oramai parte di una stessa categoria.
La mia vita da donna è finita e io adesso sono come una morta che cammina. Ma scrivo. Scrivo per riconquistare la fiducia in me stessa. Ho scritto che ero un insegnate, trasformatasi in prostituta, ma adesso sono una scrittrice.
Vi ho scritto che ero primavere, e invece adesso sono diventata autunno e perciò sono diventata più bella. Sono una prostituta bella. Mi hanno resa un’emarginata nel mio stesso quartiere, un insegnante senza classe, un essere ridicolo agli occhi degli altri, mi hanno condannata alla solitudine.
Per la Repubblica Islamica d’Iran sono diventata il simbolo della donna con la schiena rotta, i capelli tagliati e il viso insanguinato. Ma io sono orgogliosa di essere una puttana se ciò aiuta a portare la libertà, e poi io so che non sola.

Sentivo le loro voci, nelle celle accanto alla mia, o mentre il mio inutile corpo era accasciato a terra, sentivo le loro voci, mentre questi finti uomini usavano violenza su di loro (le altre prigioniere).
Chiedo a tutti quelli che come me hanno sofferto, di scrivere, perché coloro che hanno subito violenza devono in qualsiasi modo esternare il dolore, perché è lo stesso dolore al quale Sadegh Hedayat (scrittrice contemporanea) si riferiva dicendo “il dolore mastica (distrugge) l’anima della gente”. Lasciate uscire fuori il vostro dolore. Fatelo sapere a tutti. Dovete capire che non siete sole, che ci sono molte come voi. Noi tutti condividiamo questo dolore. …

Questa lettera potrebbe essere molto più lunga, ma io la termino con una frase.
Mi rivolgo direttamente a Khamenei, colui che si considera il padre di questa nazione.
Ero una figlia dell’Iran, i tuoi figli mi hanno violentata.
Chi pagherà per la mia dignità perduta?

Bahareh Maghami

Aprile 2010, Germania

traduzione di: forafreeiran

Tutto il materiale di questo blog può essere distribuito liberamente, vi preghiamo solo di indicare il link del nostro blog