Parla il padre del giovane incarcerato che soffre di sclerosi multipla: "Dov'è la giustizia?"

La famiglia di Hamed Rouhinejad, lo studente imprigionato, afflitto da sclerosi multipla, ha scritto numerose lettere ai vari funzionari giudiziari per sensibilizzare le autorità sulla salute di loro figlio. Nonostante ripetuti appelli, nessuno ha assicurato alla famiglia che Hamed sarebbe riuscito ad avere un permesso per poter lasciare il carcere per motivi di salute.
Hamed Rouhinejad è attualmente detenuto nel carcere di Zanjan, nel quale la struttura sanitaria è praticamente inesistente.

Le condizioni di Hamed si fanno ogni giorno più gravi, il giovane ha perso per il 50% la vista e l’udito.

Il sito web Jaras ha condotto un’intervista con il padre di Hamed Rouhinejad circa le condizioni di salute del figlio.

Jaras: Mr. Rouhinejad, come sta suo figlio?
Padre: Circa tre settimane fa sono stato in grado di fare visita a mio figlio, il suo stato si aggrava ogni giorno di più, sia fisicamente che emotivamente. La malattia gli causa problemi alle vie respiratorie, allo stomaco e alle vie urinarie, e anche la sua vista e l’udito si sono indeboliti.
Purtroppo adesso non abbiamo più sue notizie, perché le autorità ci impediscono nuovamente di andarlo a trovare e impediscono a lui di telefonarci.

Jaras: Le autorità hanno  motivato il divieto di visita e di telefonare?
Padre: Nessuno risponde alle nostre richieste. Siamo andati sia dal Procuratore del carcere di Zanjan, sia al Ministero della Giustizia di Teheran, sotto il comando di Abbas Jafari Dolatabadi, ma nessuno ha voluto ascoltare e rispondere alle nostre richieste e domande.
Siamo andati anche alla Corte Suprema, lì ci hanno detto di chiedere a nostro figlio di scrivere una lettera di reclamo, allora abbiamo chiesto come può qualcuno che non ha diritto di visita scrivere un reclamo, ci hanno risposto che non sapevano.
Purtroppo nessuno si assume la responsabilità di risponderci. A mio avviso, loro, hanno intenzione di uccidere mio figlio o ce lo consegneranno completamente paralizzato.

Jaras: Quali cure riceve suo figlio in carcere?
Padre: L’unico trattamente prescritto a nostro figlio sono delle iniezioni di salexy. Ma queste iniezioni non hanno effetto in quanto egli è tenuto in isolamente e sotto pressione psicologica. La sclerosi multipla è una malattia che peggiora sotto sforzi fisici o pressioni psicologiche. Le autorità sono consapevoli di tutto ciò.

Jaras: Quale è lo stato della sua pratica legale?
Padre: Mio figlio si trova nel carcere di Zanjan, deve scontare dieci anni. Attualmente si trova in isolamento e non ha diritto di visita. Questa condizione potrebbe durare un mese, forse due, forse sei o dieci mesi, nessuno lo sa.

Jaras: Signor Rouhinejad che cosa vorrebbe dire alle autorità, per far sentire la voce di suo figlio?
Padre: Ho detto molte volte che il Leader della Rivoluzione ci ha insegnato che l’Islam è la religione della compassione e del perdono. Perché per mio figlio non viene provata questa compassione?
Ahmadinejad parla di giustizia, giustizia, giustizia, se giustizia significa incarcere un malato e vietargli cure mediche, visite dei parenti e quant’altro, allora mi chiedo che cosa sia l’ingiustizia?
Mio figlio viene tenuto in isolamento, nonostante la sua salute, le pressioni psicologiche continuano e potrebbero ucciderlo, è forse questa giustizia?

Jaras: Pensa che Ahmadinejad sia a conoscenza delle condizioni precarei di suo figlio?
Padre: Non lo so, forse, ma se non lo fosse, prego che al più presto venga a conoscenza delle sue condizioni, perché mio figlio è malato e sta morendo in carcere.
Questa condizione sta portando alla rovina anche la nostra famiglia, io stesso ho avuto attacchi di cuore, i miei due figli soffrono di disturbi nervosi, in altre parole tutti e cinque i membri della mia famiglia stanno morendo.
Vorrei aggiungere che ovunque andiamo e a qualsiasi porta noi bussiamo, nessuno ci risponde.
Hanno deciso di uccidere mio figlio.

Source: Persian2English

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...