Allah-u-Akbar la voce della speranza dai tetti di Teheran

Come era già successo lo scorso giugno, dopo la frode elettorale, anche quest’anno i tetti di Teheran si popolano di voci di libertà, si popolano della gente che vuole la democrazia, di quelli che non sono rappresentati dal regime dittatoriale di Ahmadinejad e dei suoi mullah.

Il popolo iraniano in quest’anno ha subito arresti, per aver solo partecipato a manifestazioni, per aver espresso la propria opinione o semplicemente per essere uno studente, ci sono state condanne a morte ingiustificate, senza veri e propri processi, ci sono state impiccagioni, come quella dei cinque curdi, che ha sconovolto non solo l’Iran ma anche il mondo intero.
La voce della repressione si fa sempre più sentire, ma la gente non si lascia demoralizzare e continua la sua lotta, dai tetti di Teheran, si alza la voce della democrazia, la gente urla, sono urla di disperazione: Allah-u-Akbar (Dio è il più grande), oppure a morte il dittatore.
È la voce del popolo iraniano che vuole la LIBERTÀ E LA DEMOCRAZIA.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...