Majid Tavakoli ha iniziato lo sciopero della fame dopo essere stato trasferito in isolamento

ENGLISH FRENCH

Questa mattina Majid Tavakoli è stato trasferito in una cella di isolamento nel reparto 240 della prigione di Evin. Gli è stato riferito che dovrà passare almeno 10 giorni in isolamento.

Dopo il suo trasferimento, Tavakoli ha iniziato lo sciopero della fame (senza cibo e anche senz’acqua). Lo sciopero durerà fino a quando non sarà ritrasferito al reparto comune.

Secondo RAHANA Tavakoli aveva già fatto sapere ad alcuni prigionieri che avrebbe iniziato lo sciopero della fame nel caso fosse stato trasferito in isolamento.

Secondo quanto ci è stato riferito la scorsa settimana, Majid Tavakoli si troverebbe in condizioni di salute preoccupanti.

La sua salute negli ultimi tempi è peggiorata a tal punto che non riuscirebbe a parlare correttamente ed in alcune occasioni è stato portato anche alla clinica del carcere.
La famiglia di Majid è seriamente preoccupata la sua condizione fisica.

Sabato 15 maggio 2010 la famiglia di Majid Tavakoli ha scritto una lettera a Sadegh Larijani, capo della magistratura iraniana.
La famiglia chiede un riesame del suo caso e protesta per il coportamento illecito (riguardanti il potere) della magistratura.

La famiglia chiede l’intervento del capo della magistratura perché ritiene che ci siano state delle ingiustizie durante il processo di Majid Tavakoli.

Qui di seguito alcuni estratti della lettera:

“Abbiamo taciuto molti fatti. Se dicessimo tutto, allora la gente crederebbe che la giustizia in Iran non esiste più. Se questo tipo di atteggiamento sta diventando una norma della macchina giudiziaria allora le chiediamo, come fece Hojjatoleslam Hashemi Shahroodi, di avere il coraggio necessario per dire la verità…”

“Non dice forse la stessa Costituzione della Repubblica Islamica d’Iran che tutti gli individui sono liberi di protestare e marciare senza armi, se questi non vanno contro i principi islamici? Se questo è un articolo della Costituzione allora deve essere rispettato. Se non lo è, allora la preghiamo di dichiararlo pubblicamente, in modo che i cittadini di questo Paese possano fare qualcosa per sottrarsi al loro triste destino.”

Annunci

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...