Discorso di Mousavi dopo le esecuzioni avvenute ieri in Iran

ENGLISH&PERSIAN

Mir Hossein Mousavi ha rilasciato una dichiarazione per quanto riguarda le esecuzioni dei cinque prigionieri politici avvenute ieri.

“L’esecuzione di cinque cittadini del nostro paese avvenuta ieri, senza spiegazioni precise, senza procedure penali e prove, rispecchia ciò che negli ultimi mesi sta avvenendo nel nostro paese.
Questa tendenza è di condannare molti cittadini senza prima aver fatto loro un vero e proprio processo.

Quando la magistratura non protegge le vittime, ma subisce solo l’influsso di quelli che sono al potere è difficile impedire alla gente di pensare che queste condanne siano ingiuste.

Com’è possibile che oggi i giudici non rispondano e passino sopra a quelli che hanno commesso e  ordinato i crimini della prigione di Kahrizak[1], dei dormitori Universitari[2] come quello di Sobhan[3] , o tra il 15 e il 20 [4]giugno. Com’è possibile che passino sopra al sangue versato nel giorno dell’Ashura[5] (secondo l’Islam nel giorno dell’Ashura non ci possono essere scontri o uccisioni. Ma nell’ultima Ashura in Iran c’è stata una battaglia senza quartiere, oltre 8 morti e 300 arresti). In seguito a questo fatto l’opposizione si riferisce all’Ashura chiamandola Bloody Ashura (l’Ashura insanguinata).

Com’è possibile che chiudano i casi di corruzione ancor prima di aprirli[6], com’è possibile che alla vigilia del mese di Khordaad(7) (giugno), il mese della consapevolezza e della giustizia, che proprio adesso vengano impiccati cinque persone, lasciandoci con così tante domande. È questa la giustizia degli Alavi(8)?”

  1. Kahrizak è la prigione nella quale sono stati portati molti di quelli che sono stati arrestati dopo le proteste post-elettorali. In questa prigione sono stati torturati, alcuni addirittura violentati e molti sono morti.
  2. Si riferisce agli attacchi da parte della milizia Basij nei dormitori delle Università. E del pestaggio brutale a cui i studenti sono stati sottoposti, in seguito alle proteste post-elettorali.
  3. Sobhan un dormitorio nel quale i Basij hanno la gente di notte, distrutto auto e danneggiato l’edificio, dopo le proteste post-elettorali.
  4. Si fa riferimento ai giorni in cui ci sono state le manifestazioni (pacifiche), ma nelle quali molte persone sono state attaccate e uccise, sempre dalla milizia Basij.
  5. Si riferisce al giorno religioso che segna il martirio del terzo imam degli sciiti
  6. Si riferisce ai casi di corruzione da parte dei vice di Ahmadinejad, questi casi sono stati portati alla luce in parlamento da parte di alcuni deputati, ma poi secondo i rapporti informali, sono stati chiusi appunto prima che si facesse luce sulla questione
  7. Khordaad è il mese in cui sono avvenute le elezioni fraudolente, che hanno dato vita a tutte le manifestazioni di protesta della gente
  8. Alavi sono quelli che seguono l’Imam Ali (il primo Imam degli sciiti), il quale è conosciuto per la sua giustizia e la sua equità.

    traduzione di: forafreeiran
    Tutto il materiale di questo blog può essere distribuito liberamente, vi preghiamo solo di indicare il link di questo blog

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...